Nodi: istruzioni per l’uso

Facciamo finta che questo sia il foglio illustrativo dei medicinali. Oppure un libretto delle istruzioni per montare la lavatrice. Durante queste settimane di chiusura forzata all’interno delle mura domestiche – con coinquilini obbligati – sarà capitato più o meno a tutti di ricalcolare il percorso e magari di cambiare direzione. Una specie di orienteering. Come…… Continua a leggere Nodi: istruzioni per l’uso

4321, Paul Auster

Ho iniziato a leggere 4321 tre giorni dopo il compleanno di mio nonno e ho terminato la lettura comprando il regalo di compleanno per mio padre. Complessivamente, 4321 mi ha accompagnata per circa cinque mesi, facendo capolino durante tristi periodi e prendendo piede nei giorni di vacanza. Leggere 4321 è stata una sfida. Non mi ero mai…… Continua a leggere 4321, Paul Auster

Perché ti piace leggere?

Per chi mi conosce bene sa che sin da quando ero una bambina i libri hanno avuto sempre un ruolo fondamentale nella mia vita. Ricordo che quando abitavamo tutti nella casa a Monteguidi, nel corridoio che porta alle camere c’era un grande armadio bianco che conteneva un po’ di cianfrusaglie, le camicie di babbo per andare a…… Continua a leggere Perché ti piace leggere?

Doposkuola, quello con la K

Seicentodieci giorni. Seicentodieci giorni.  In matematica non sono mai stata formidabile, ma se la calcolatrice non mi inganna ho passato SEICENTODIECI giorni della mia vita dentro il Doposkuola.La K è nel posto giusto, non è un errore di battitura. Esiste davvero un doposcuola con la K. Ho messo piede per la prima volta al Doposkuola…… Continua a leggere Doposkuola, quello con la K

Una cosa piccola ma buona al giorno: 6 gennaio 2019

Mi è sempre piaciuta la tavola apparecchiata per le feste, in rosso. Sotto le feste la casa a Monteguidi si riempiva di gente: sorelle di nonno, zii e cugini. Non necessariamente per mangiare insieme, ma anche soltanto per consegnare un pensiero e per scambiarsi i migliori auguri.Si allargava il tavolo di cucina, si stendeva la…… Continua a leggere Una cosa piccola ma buona al giorno: 6 gennaio 2019

Una cosa piccola ma buona al giorno: 3 gennaio 2019

Secondo Wikipedia, nel 2011 a Monteguidi eravamo in centoquarantaquattro. Ci possiamo contare sulla dita delle mani. Siamo persone che si stringono l’un l’altra, soprattutto nei momenti di dolore. La casa che si riempie di voci che ti augurano di stare bene e che tutto andrà meglio appena ti sarai ripreso.Io abitavo al numero 1, convinta di…… Continua a leggere Una cosa piccola ma buona al giorno: 3 gennaio 2019

Una cosa piccola ma buona al giorno: 8 dicembre 2017

Oggi sono stata a pranzo dai miei nonni, con mia sorella e babbo. Abitano nel paese in cui sono cresciuta, una manciata di case che riscaldano persone intorno ai loro camini accesi. Anche i miei nonni hanno un camino. Fino all’anno scorso, mio nonno scendeva nella cantina per riempire un secchio di legna, con il…… Continua a leggere Una cosa piccola ma buona al giorno: 8 dicembre 2017